ProdottiMalte SpecialiMalta per Fuga di Pavimenti in Cotto venerdì 20 settembre 2019    Registrazione   Login
Malta per fuga di pavimenti in cotto

“COCCIOPESTO FUGA ”

Malta per stuccatura di pavimenti o rivestimenti in cotto.

 

DESCRIZIONE PRODOTTO: “Cocciopesto fuga” è una malta premiscelata a secco costituita da aggregati calibrati composti da:  cocciopesto  Guglielmino, aggregati lavici dell’Etna, carbonato di calcio, legante idraulico e speciali additivi. Granulometria 0-1,5 mm, colore rosa naturale.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO:

UNI EN 998/1-2 : 2004 malte per opere murarie;

UNI EN 459/1 : 2002 calci da costruzione;

UNI EN 13139: 2003 aggregati per malte.

 CARATTERISTICHE E CAMPI D’IMPIEGO: “Cocciopesto fuga” è una malta per stuccatura fughe per pavimenti in cotto per interni ed esterni,  granulometria   0-1,5 mm. L’applicazione può essere eseguita a mano o con macchina fugatrice non in continuo.Grazie alla naturalezza dei suoi composti nasce come“malta per stuccatura” di pavimenti o rivestimenti di mattoni in cotto trafilato o fatto a mano.

DATI TECNICI:

CONDIZIONE DI PROVA TEMPERATURA = 20° C ± 2, UMIDITA’ 90% ± 2

Granulometria

0-1,5 mm

Massa Volumica malta fresca ( EN 1015/6)

 1.760 ± 50 Kg/mc

Consistenza malta fresca (EN 1015/3)

245 mm ± 10 mm

Acqua occorrente per l’impasto

8 litri per sacco da 25 Kg

Contenuto d’aria malta fresca (EN 1015/7)

 > 7 %

Tempo di lavorabilità  (EN 1015/9)

A + 20 °C  1-1,5 ore circa

Resistenza a compressione a 28 gg. (EN 1015/11)

2,5 - 3 N/mmq (malta CS II)

Colore

Rosa naturale

Consumi

In base alle dimensioni delle fughe (vedi formula)

CONSUMI: Il consumo di “Cocciopesto fuga” varia in base alla larghezza delle fughe, alla geometria  e allo spessore dei mattoni  da pavimento o da rivestimento.

Indicativamente il consumo in Kg/mq può essere calcolato tramite l’applicazione della seguente formula:

(A+B)/(AxB) x C x D x1,5/100 = Kg/mq 

Legenda: A= lunghezza piastrella (in mm); B= larghezza piastrella (in mm); C= spessore piastrella (in mm); D= larghezza fuga (in mm).

CONFEZIONE E STOCCAGGIO:la miscela è confezionata in sacchi di carta da 25 Kg. I sacchi sono stoccati in bancali da 1.200 Kg contenente 48 sacchi., protetti da involucro di plastica. Il prodotto deve essere custodito, in ambiente coperto, asciutto e a temperatura   compresa tra   + 5 °C e   +35 °C,    idoneamente conservato deve essere applicato entro 08 mesi dalla data di produzione riportata sul sacco.

IMPASTO MISCELA:“Cocciopesto  fuga” va impastato   con acqua limpida, priva di cloruri o solfati in quantità dannose, sostanze organiche o grassi. La miscela può essere impastata in betoniera a bicchiere per 6-8 minuti e in ogni caso fino ad ottenere una completa omogeneizzazione della malta. La betoniera deve essere opportunamente pulita prima dell’utilizzo e se necessario prima di impastare della nuova malta.     Si raccomanda di non sovraccaricare la macchina e di non superare il quantitativo d’acqua consigliato eccessi, potrebbero compromettere la resistenza meccanica finale. L’acqua necessaria per impastare un sacco da Kg. 25 di “Cocciopesto fuga” è di 8 litri. A miscelazione eseguita lasciare riposare l’impasto per 5-6 minuti circa, garantiremo cosi l’idratazione completa degli aggregati. La malta deve avere consistenza fluida ma tale da essere lavorabile con spatola in gomma. La miscelazione può essere eseguita anche con miscelatore a frusta a basso numero di giri.

PREPARAZIONE DEL SUPPORTO:

Prima di iniziare la stuccatura delle fughe verificare che la malta di allettamento dei mattoni sia completamente indurita e stagionata secondo le prescrizioni tecniche  relative al prodotto utilizzato. Le fughe devono essere pulite completamente esenti da polvere  e da malta di allettamento in eccesso rifluita durante la posa. Le fughe devono essere ben inumidite con acqua pulita prima del loro riempimento. Lo scopo della bagnatura è per evitare che l’acqua d’impasto della malta “Cocciopesto fuga” venga sottratta dai mattoni con conseguente disidratazione della malta  e relativo blocco del normale processo di presa.

METODI DI LAVORAZIONE E PRECAUZIONI: Riempiere con cura le fughe con “Cocciopesto fuga” utilizzando una spatola in gomma accertandosi di non lasciare vuoti o dislivelli. Togliere l’eccesso di malta sulla superficie del cotto con la spatola in gomma ad impasto ancora fresco. Aspettare che l’impasto perda la sua plasticità e ripulire il residuo di “Cocciopesto fuga” utilizzando una spugna umida. La spugna va risciacquata frequentemente. Questa fase può essere eseguita anche con una macchina con spugna a nastro. Queste operazioni di pulizia bisogna eseguirle con cautela, se la pulizia viene eseguita troppo presto con malta ancora in fase plastica le fughe possono essere parzialmente svuotate e  soggette al cambio del colore finale della malta. In caso di forte caldo o eccessiva ventilazione mantenere umide le fughe per qualche giorno al fine di migliorare le prestazioni finali della malta.

Avvertenze:  il cotto è un materiale assorbente quindi bisogna avere molta cautela durante le fasi di stuccatura per evitare che la malta sporchi in modo irreversibile la pavimentazione o il rivestimento. Si consiglia di riempire le fughe avendo cura di non sporcare il resto della pavimentazione o di effettuare un trattamento specifico protettivo idrorepellente,   preliminare alla stuccatura.

Precauzioni:

-          la malta ha un tempo di lavorabilità di circa 1-1,5  ore. Non riumidificare l’impasto parzialmente essiccato ma preparare di volta in volta la quantità ottimale;

-          non applicare la malta con temperature  < + 5 °C e > +35 °C, su superfici arroventate dal sole o in giornate molto ventose o minacciate da pioggia, su superfici gelate. Ad applicazione avvenuta evitare forti insolazioni, se ciò è impossibile, inumidire le superfici con acqua nebulizzata, rallenteremo così l’evaporazione dell’acqua ed eviteremo possibili fenomeni di distacco o fessurazioni della malta. 

 

VOCE DI CAPITOLATO:   Fornitura di “Cocciopesto fuga” da utilizzare come malta da stuccatura di fughe da 2 a 20 mm di pavimentazioni o rivestimenti in cotto. Miscela costituita da   cocciopesto  Guglielmino, aggregati lavici dell’Etna, carbonato di calcio, legante idraulico e additivi speciali. La  granulometria è  di 0-1,5 mm, il colore rosa naturale.

La malta va applicata a mano o con macchina fugatrice.

INFORMAZIONI DI SICUREZZA: la malta non è considerata pericolosa. Per l’utilizzo sono da rispettare delle generiche precauzioni:           

-          R37/38: Irritante per le vie respiratorie e la pelle.

-          R41: rischio di lesioni oculari.

-          S22: non respirare le polveri.

-          S26: in caso di contatto con gli occhi, lavare immediatamente e abbondantemente con acqua e consultare un medico.

-          S36: usare indumenti protettivi adatti.

Per maggiori informazione, consultare la scheda di sicurezza.

Quanto riportato nella presente scheda tecnica rappresenta il meglio delle nostre conoscenze e delle nostre esperienze e non comporta l’assunzione di nessuna garanzia o responsabilità sul risultato finale delle lavorazioni con l’impiego dei nostri prodotti. 

Si consiglia di eseguire prove preventive, al fine di verificare l’idoneità dei nostri materiali per l’impiego prefissato.

Si informa altresì che il proprio servizio tecnico è a disposizione della clientela per maggiori informazioni inerenti al corretto utilizzo dei propri premiscelati.

Stampa  

   Home      
 | 
  
   Chi siamo      
 | 
  
   Prodotti      
 | 
  
   Cataloghi      
 | 
  
   Restauro e Recupero      
 | 
  
   Newsletter      
 | 
  
   Prossimi eventi      
 | 
  
   Contatti   
Copyright 2015 by Guglielmino Cooperativa  |  Dichiarazione per la Privacy  |  Condizioni d'Uso